ABA, LAVORO SUL CAMPO: IL TECNICO DI ANALISI DEL COMPORTAMENTO.

ABA figura fondamentale per il lavoro

ABA, LAVORO SUL CAMPO: IL TECNICO DI ANALISI DEL COMPORTAMENTO.

Il tecnico dell’analisi del comportamento (TAC) comunemente chiamato “l’operatore/terapista ABA” è una figura fondamentale all’interno dell’equipe di lavoro che prende in carico l’utente. E’ la figura che lavora direttamente sul campo e che deve pertanto attuare gli interventi previsti basati sull’applicazione dell’Analisi dei Comportamento.

Abaco Blog ABA
ABA Tecnico analisi comportamento – Scopri Abaco Cloud – presto disponibile

Per diventare TAC certificato è necessario frequentare un Corso (tra quelli suggeriti dagli enti riconosciuti) che prevede lezioni frontali, tirocinio supervisionato da un Analista del Comportamento certificata e un esame finale. 

Il tecnico deve acquisire competenze che attengono:

  • conoscere i principi generali dell’analisi del comportamento
  • conoscere e mette in atto le procedure previste dall’ABA,
  • attenersi al curriculum individualizzato dell’utente e obiettivi definiti dall’Analista
  • identificare i comportamenti problema e saper fare un’analisi funzionale
  • monitorare attraverso le prese dati gli obiettivi
  • intervenire nei contesti di vita in cui l’utente è inserito (scuola, famiglia….) in modo da garantire coerenza e continuità educativa nel progetto avviato per ogni singolo bambino e ragazzo.

Abbiamo rivolto una serie di domande ad un professionista con titolo TAC che lavora presso un’Associazione di genitori con figli con disabilità e che fa parte di un’equipe di lavoro che prevede oltre a tecnici del comportamento, un Assistente Analista del Comportamento e un Analista del Comportamento Certificata (BCBA). Qui la sua esperienza diretta:

Perché la scelta di diventare tecnico dell’Analisi del Comportamento?

Sono fortemente convinto che attraverso l’Analisi del Comportamento Applicata si possa migliorare in modo determinante la qualità della vita dei ragazzi e delle famiglie che vivono una realtà “unica” e piena di ostacoli.

Il mio obiettivo è quello di lavorare affinchè questi ragazzi possano diventare parte attiva e integrante nel proprio contesto sociale.

Diventare tecnico dell’analisi del comportamento mi ha permesso di approfondire, acquisire e applicare specifiche conoscenze.

Lavori all’interno di un’equipe. Come avviene la coordinazione del lavoro?

Dopo la presa in carico dell’utente successiva ad una prima valutazione, l’Analista predispone il progetto individualizzato con obiettivi specifici. Credo che la comunicazione tra il tecnico e i suoi colleghi, l’Assistente Analista e l’Analista del Comportamento, sia fondamentale per portare avanti il progetto. E’ una rete imprescindibile che ovviamente coinvolge la famiglia e anche le figure altre che fanno parte della vita del bambino o del ragazzo.

Il mio compito è quello di creare tutte le condizioni ottimali ad accogliere l’utente preparando il materiale e le prese dati necessarie per la sessione di lavoro.

Il lavoro in equipe è cruciale in ogni fase, il confronto tra le varie figure professionali ci permette di essere efficienti ed efficaci nella gestione del caso.

Lavorare in “scienza e coscienza”. In che modo?

Scienza e coscienza”: binomio guidato dall’integrità e dalla responsabilità etica e morale. 

Ho 37 anni, lavoro da molti anni nella disabilità, sono convinto che per essere utili bisogna avere rispetto verso se stessi e gli altri, gran senso di responsabilità e svolgere il proprio lavoro con passione e dedizione e soprattutto continuando a studiare ed acquisire competenze e conoscenze di dimostrata efficacia scientifica.

L’ABA è una scienza e pertanto richiede raccolta di informazioni e dati che siano misurabili, quantificabili e replicabili. Cosa avviene sul campo?

La raccolta di informazioni e dati e’ la base nel nostro lavoro, consente il monitoraggio degli obiettivi, avere chiaro quello che si sta facendo e come si sta proseguendo.

Durante ogni sessione siamo “affiancati” da raccoglitori che contengono una banca dati dell’utente: prese dati da compilare durante o al termine del lavoro. Un archivio di dati ed informazioni che accompagnano l’utente e che vengono condivise tra i tecnici che lavorano con lo stesso utente e con l’Analista in maniera costante.

ABACO che contributo potrebbe dare nel tuo lavoro?

Abaco darebbe un contributo enorme al nostro lavoro e le ragioni sono evidenti.

A livello operativo ci permetterebbe di semplificare e allo stesso tempo rendere pìù efficiente il nostro lavoro: raccoglitori che aumentano di volume, schede che si moltiplicano, difficolta’ nel consultarle, tempi di registrazione dei dati… potrei continuare all’infinito….

Un sistema come Abaco semplifica in maniera decisiva il confronto e il controllo dei dati da parte di tutte le figure che si occupano dell’utente, rendendo il lavoro d’ equipe immediato, semplice e chiaro.

Vuoi maggiori informazioni? Contattaci

Abaco consentirebbe  accessibilità immediata ai dati e facilità nella compilazione di schede per la presa dati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*